TELLA

La semplicità è il suo carattere, esaltato però da una decisa stagionatura, nella media almeno quattro settimane. Ottenuto con latte parzialmente scremato, piccole forme pazientemente lavate con acqua e sale, per consentire una perfetta, naturale evoluzione casearia. La sua crosta, resistente, emana decise fragranze, avvolgenti, con note di funghi dei prati alpini. La pasta è duttile, compatta e burrosa nel contempo. Al naso ricorda le variegate erbe del pascolo e pure al palato rilancia medesime sensazioni, nette e incisive, talvolta evolute, tra timbri gustativi personalissimi, che vanno dalla frutta selvatica alla mandorla, dall’albicocca al gheriglio delle noci. Formaggio ideale per variegati usi culinari, per prelibati accostamenti o morbidose fondute. Ma anche per un consumo conviviale, assieme al pane tipico della Venosta, l’ Ur-paal, e ad un buon bicchiere di vino rosso, possente quanto importante come il Lagrein.

da una recensione di Nereo Pederzolli – slow food

 

SCHEDA TELLA